Il Museo

Il museo di Auschwitz-Birkenau raccoglie le testimonianze tangibili del passaggio di migliaia di uomini, donne e bambini. Un percorso toccante e sconvolgente che presenta al visitatore migliaia di oggetti di vita quotidiana: utensili, scarpe, occhiali, contenitori, spazzole, pettini e così via, tutti appartenuti ai detenuti del campo di concentramento. Il museo testimonia non solo il saccheggio effettuato dai tedeschi, ma soprattutto la sofferenza di quelle persone che furono imprigionate: valigie con nomi, date di nascita, numeri di trasporto e indirizzi hanno un importante valore documentale e sono spesso l’unica prova che una data persona fu deportata ad Auschwitz-Birkenau.

Le tristi “collezioni” del museo di Auschwitz-Birkenau comprendono:

• circa 110 mila scarpe;
• circa 3.800 valigie, 2.100 dei quali portano i nomi dei loro proprietari;
• oltre 12.000 utensili da cucina;
• 470 protesi e ortesi;
• 350 uniformi indossate all’interno del campo;
• circa 4.500 opere d’arte (di cui circa 2.000 delle quali sono state realizzati da detenuti);
• oggetti personali (rasoi, pennelli, etc..).

La visita al museo vi porterà a scoprire la vita dei prigionieri, le condizioni in cui erano costretti a vivere e non ultima la grande umanità che si nascondeva dietro al filo spinato che corre lungo il perimetro del campo di concentramento. Il museo non mostra solamente come fosse dura la vita nel campo ma attesta fenomeni di resistenza e di aiuto reciproco, di come i prigionieri cercarono in tutti i modi di far conoscere le brutalità del campo al mondo esterno.

Infine, la collezione comprende anche oggetti lasciati dai tedeschi e dalle SS: caschi, stivali, strumenti di violenza fisica, oltre a strumenti cartacei, più subdoli, ma comunque pericolosi come la documentazione relativa alla pianificazione della vita a Auschwitz ed agli ordini da impartire nel campo. Nel museo le prove dell’Olocausto sono tangibili, basti pensare ai contenitori che contenevano lo Zyklon-B utilizzato ad Auschwitz-Birkenau e negli altri campi di sterminio per disfarsi, nelle camere a gas, dei deportati non adatti a lavorare.

Un museo completo di testimonianze, chiave per mantenere vivo il ricordo di quell’orrore che macchia a storia contemporanea di tutti noi.


Warning: Unknown: open(/run/shm/php5/sess_arju01jcogkfnappg68v97ukl0, O_RDWR) failed: No space left on device (28) in Unknown on line 0

Warning: Unknown: Failed to write session data (files). Please verify that the current setting of session.save_path is correct (/run/shm/php5) in Unknown on line 0